Proiezione lungometraggio “Diga”

Venerdì 24 settembre si terrà alle ore 21.00 – presso la Sala S.O.M.SI di Pinzano al Tagliamento – la proiezione del film Diga: un film-documentario che racconta la vita dei Diga, pastori transumanti giunti alla quarta generazione, costretti ad affrontare alcune delle più importanti sfide della Montagna. Per loro, al tempo del riscaldamento globale, dell’iper-urbanizzazione e del ritorno dei grandi predatori, le regole del gioco sono cambiate.

Sarà presente in sala il regista Emanuele Confortin, direttore responsabile della rivista “Alpinismi.com”.

Mont Analogue, l’immortalità di un libro: i nuovi eredi

ITALIAN VERSION

A fine Agosto il giornale francese Le Monde ha pubblicato sei articoli su Monte Analogue, il romanzo di Daumal che ha ispirato il nome della nostra associazione.

Abbiamo deciso di pubblicarli uno per volta, con la traduzione in inglese di ognuno.

Il primo articolo è La vertiginosa eredità di un romanzo incompiuto. Quante persone ci sono, nel mondo, che sono tuttora influenzate da questo romanzo? In che modo Daumal è capace ancora oggi, nel 2021, di parlare ai contemporanei e di essere al fianco delle nuove generazioni che crescono leggendolo e amandolo?

Credo sia un po’ la solita storia: è un classico, e da tale è immortale. La bellezza dei libri che trascendono il concetto di temporalità ed epoca, è che riescono a essere percepiti come contemporanei da varie generazioni.

Mont Analogue è stato pubblicato per la prima volta del 52: questo signfiica che più di tre generazioni, ormai hanno avuto modo di crescere leggendolo. Viene spesso considerato un libro per ragazzi, vista la sua natura di romanzo d’avventura, ma in realtà è un romanzo filosofico e simbolico. E come capita con tutti i classici, lo si può leggere a qualunque età, e riuscirà sempre a far riflettere e insegnare qualcosa al lettore.

L’articolo di cui vi lasciamo la traduzione qua sotto parla proprio dell’eredità che il romanzo ha lasciato in Franca – e nel mondo: parla di persone rimaste talmente affascinate dalla natura poliedrica del libro che hanno voluto rendergli omaggio.

ENGLISH VERSION

At the end of August, the French newspaper Le Monde has published six articles on Mont Analogue, René Daumal’s novel which our Organization was named after.

The Team of Monteanalogo has therefore decided to republish them, with an English traslation of every one of the articles.

The first one is titled The vertiginous inheritance of an unfinished novel. How many people have the novel  influenced since its publication? In which way is Daumal still capable of speaking and raising new generations who grow up reading his book?

It’s the same old story: it’s a classic, which means it’s immortal. Classics go beyond the concept of time or age, they can be perceived as modern by every generation.

Mont Analogue has been first published in 1952, which means that more than three generations have been grown up reading it. It is indeed often labeled as a young adult adventure book, but its real core is symbolic and philosophical. And as per its classical nature, it can be read at every age, and it will still speak to the reader, giving them new knowledge and idea to think about.

The article of which we will provide you the English translation is about the inheritance that the novel has left in France – and around the world too: it’s about people so much bewitched by the multifaceted nature of the novel that they wanted to pay tribute to it.

 

The vertiginous inheritance of an unfinished novel.

These days, L’Impossible is drifting along the French Riviera. On board, a 37-year-old plastic artist, Antoine Proux. On the white sail, he wrote, in black letters: “And you, what are you looking for?”- a reference to the title of the last chapter of Mont Analogue, book unfinished by René Daumal (19/08/1944).

Published in 1952, it tells of the expedition of a group of scholars towards a mysterious mountain, connecting Earth and Heaven, the base of which is accessible and the summit inaccessible. This is not the first tribute that Antoine Proux pays to this novel, as short as it is unknown. In Paris, where he has settled, the Creusois recycles wine bottles on which he always affixes the same stamp: “René Daumal”. Before leaving them discreetly in supermarkets, museums …

Even though not to the same point, there is also the Bourse de Commerce, where industrialist François Pinault opened a contemporary art museum at the end of May. At the top of the Medici column, attached to the building, a projector spreads its glow over Paris: it is a “luminous translation” of Mont Analogue, arranged by another plastic artist, Philippe Parreno, 57 years old. Nearly 5,000 colours, spinning 31 meters high: the Eiffel Tower better watch out.

What a flagship book this is, shining in more and more heterogeneous circles. From artists, mountaineers, scientists or politicians pass it on like a grigri, margins up to institutions. If in France there are only two streets and one square named after René Daumal, winks abound abroad: Mont Analogue is the name of a record store in Los Angeles, a film dealer in Sydney, a production company in Berlin, mountaineering clubs in Trieste or Mexico, a school in Minneapolis, publishing houses in Stockholm or Seattle … “Even without wanting to, we always leave traces, anticipated Daumal. Respond to your footsteps in front of your fellows. “

You will find this imprint as far as Champcella, in the Hautes-Alpes. On August 21, at 9:30 a.m., the town will inaugurate a terminal symbolizing the distance that separates it from Mount Analogue, estimated at 16,248 kilometres. Afterwards, its creator, the ceramicist Virgile Loyer, 46, will participate in a “round and square table” around Daumal. By his side, the ethnobiologist Nicolas Césard, 45 years old; mountaineer Bernard Amy, 81; documentary filmmaker and beekeeper Laurent Védrine, 45 years old. The latter is the leader of a “relief expedition to Mount Analogue,” as he calls the odd role-playing game he engages in with a dozen friends.

This is the book I gave as a gift the most

December 22, 2019: following a party farewell in the Parisian suburbs, the friends sought after the end of Daumal’s novel. They saw each other, sometimes; have often written to each other; over-thought – not too bad of a thing; created, a little. So far, none have really come back. “For a moment, my 13-year-old son thought I was really gone, I had to reassure him”, admits Laurent Védrine. For his imaginary equipment, he collected prestigious sponsorships, from the physicist Etienne Klein to the landscaper Gilles Clément, all Daumal enthusiasts. As for the sponsors, on the other hand, it has been a shambles. “The Old Camper had promised us freeze-dried rations… They never arrived”, grumbled the fellow under his breath.

Boris Bergmann was more successful. With the enthusiasm of his 29 years, this writer convinced the Luma Foundation to finance a reissue of Mont Analogue, augmented with texts, photos, drawings…

It will appear on October 14, at Gallimard. Contents of this great book are beautiful people: the rocker Patti Smith or the ci-neo-maker Alejandro Jodorowsky. Most of them will take part in the Mont Analogues exhibition, from September 17 to December 23, at the Regional Contemporary Art Fund in Champagne-Ardenne, in Reims, where Daumal grew up. Boris Bergmann will be one of the commissioners.

To explain why this book is magnetic and stabilized fro so many collectives, he quotes one of his favourite passages: “Because we are two, everything changes; task doesn’t get twice as easy, no: impossible it becomes possible“. He discovered Le Mont Analogue around the age of 14 or 15, on the advice of a friend, the writer Mathieu Terence. “This is the book that I gave as a gift the most“, continues the one who devoted his dissertation to him, subtitled “From the unfinished to the infinite“. “I spend quite a lot for Mount Analogue, I gift three or four copies of it per month”, adds Laurent Védrine.

At Allia, where the novel was republished in January 2020, there have sold more than 4,000 copies. “An honourable result for a book of which there are already other editions“, pleasingly said Danielle Orhan, director of editions. The Reims exhibition is the first ever dedicated to Daumal. His name had certainly appeared on other routes, in Le Havre in 1980, or at the Museum of Modern Art in Paris in 1992. But these celebrated the Great Game, a rival group of surrealism, which Daumal had briefly and brilliantly hosted with three high school friends. So, Boris Bergmann went out of his way. He has invited artists of all pedigree, approached the writer’s heirs, assembled a host of archives.

The manuscript

The manuscript of Mount Analogue is the only one that has escaped. He sleeps in a valley in Piedmont, in northern Italy, with Claudio Rugafiori, who intends to bequeath it to the Parisian library Jacques Doucet, upon his death. It is to this 83-year-old scholar that we owe the reference editions of the novel, on both sides of the Alps. “I discovered Daumal in a bookstore in Lausanne, I was 13-14 years old; like a good asthmatic, I was a big reader, testifies the Italian. The evidence of his genius jumped out at me“.

William Marx, 54-year-old, read it during his high school years. Holder of the chair of comparative literatures at the Collège de France, it is hardly surprising that this novel has raised so many children.

Daumal is one of those eternally young authors who was able to keep the humour and the seriousness of adolescence. The incompletion of the novel appears to be a pledge of sincerity“.

To refer to his secret, almost mystical, network of readers, he compares it to the Fellowship of the Ring – “even though Daumal is far less heavy than Tolkien“. The trail deserves to be dug: what if the posterity of the book was due to its ability “to establish new links between ideas of completely disparate matters“, as Daumal describes one of the heroes? Genius of analogy, this art of mixing up topics: “The door to the invisible”, he added, “must be visible”.

HERE you can read the original article in French.

Servizio Civile Solidale con Monte Analogo

Monte Analogo continua la propria collaborazione con Arci Servizio Civile Friuli Venezia Giulia Aps e anche quest’anno ospiterà alcuni giovani volontari di Servizio Civile Solidale.

Il Servizio Civile Solidale è dedicato a tutti i giovani residenti nella Regione Friuli Venezia Giulia che hanno tra i 16 anni compiuti e i 18 anni non compiuti nel momento di presentazione della domanda di partecipazione.

È attivo il Bando Servizio Civile Solidale 2021, al quale Monte Analogo partecipa assieme ad ASC FVG con il progetto Rock Mountain. È possibile presentare la propria candidatura entro le ore 14.00 di venerdì 18 giugno 2021.

L’Associazione Monte Analogo offre tre posti per i giovanissimi volontari con 360 ore di servizio (impegno annuo), da settembre 2021 a settembre 2022.

I volontari parteciperanno all’organizzazione della rassegna internazionale di cinema di montagna (gestione della segreteria organizzativa, corrispondenza con gli autori dei film, raccolta di film e script ed eventualmente traduzione e sottotitolazione in lingua italiana); saranno inoltre coinvolti nell’organizzazione di eventi di montagna (gestione social media e siti web, promozione, allestimenti di banchetti informativi, partecipazione alle serate di proiezione a Trieste e in Regione) e di attività formative di video-making sul tema montagna (formazione, organizzazione escursioni, creazione dei video, montaggio e successiva presentazione).

Per i giovani volontari è previsto un riconoscimento economico di 892,38 euro.
È possibile, inoltre, richiedere al proprio istituto scolastico il riconoscimento dei crediti formativi relativi allo svolgimento del Servizio Civile Solidale.

Per maggiori informazioni visitare il sito di Arci Servizio Civile FVG o chiamare allo 040 761683.

Il Servizio Civile Solidale, istituito con la Legge Regionale n.11/2007, è nato per sviluppare e valorizzare lo strumento del Servizio Civile sul territorio regionale creando occasioni per contribuire alla formazione civica, sociale, culturale e professionale dei giovani.

 

Monte Analogo ospiterà un tirocinante universitario

Per alcuni mesi Monte Analogo ospiterà un giovane tirocinante universitario. Si chiama Tommaso e assisterà il personale dell’Associazione nell’organizzazione di Alpi Giulie Cinema 2021, supportando il lavoro che stanno svolgendo i volontari di Servizio Civile Solidale.

Monte Analogo ha stipulato una convenzione con entrambi gli Atenei presenti in Friuli Venezia Giulia,  l’Università degli Studi di Trieste e l’Università degli Studi di Udine, e negli anni passati ha già ospitato giovani studenti. Tra questi, alcuni hanno poi deciso di provare l’esperienza di Servizio Civile Universale con Arci Servizio Civile FVG, Associazione che collabora attivamente con Monte Analogo.

Trento Film Festival – I vincitori della 69a edizione

L’edizione 2021 del Trento Film Festival, iniziata il 30 aprile sia in modalità in presenza che online, ha premiato con il Gran Premio “Città di Trento” il film Anche sta notte le mucche danzeranno sul tetto, di Aldo Gugolz. Ambientato in un alpeggio del Ticino, il film di produzione svizzera propone una riflessione profonda sul tema dell’eredità familiare, tra condizionamenti, libertà e possibilità di emancipazione.

Gli altri premi consegnati sono stati: la Genziana d’oro Miglior film di alpinismo, popolazioni e vita di montagna – Premio CAI al film iraniano “Holy Bread”; la Genziana d’oro Miglior film di esplorazione o avventura – Premio “Città di Bolzano” a “Here I Am, Again”; le Genziane d’argento Miglior contributo tecnico-artistico a “Die letzten Österreicher” e Miglior cortometraggio al cinese “One Day”. Premio della Giuria al documentario “Chaddr – A River Between Us”, menzione speciale a “Icemeltland Park” e “The Magic Mountain”.

Il 9 maggio si è conclusa l’edizione dal vivo e ora, fino al 16 maggio, il Festival continuerà unicamente in versione digitale.

Trento Film Festival – 69a edizione

La 69. edizione del Trento Film Festival si svolgerà nel capoluogo trentino dal 30 aprile al 9 maggio, nei limiti che saranno imposti dalle normative, mentre i film in streaming saranno disponibili fino al 16 maggio: dopo il grande successo dell’edizione “ibrida” dell’agosto 2020, la storica rassegna di cinema e culture di montagna si rimette in gioco per garantire al pubblico i migliori film e documentari dedicati alle montagne e alle terre estreme del Pianeta, insieme ad eventi alpinistici e presentazioni letterarie affascinanti e spesso inedite.

l lupo, affascinante e mitologico animale che popola i boschi d’Italia e la fantasia di grandi e bambini, è il protagonista della locandina ufficiale della rassegna, un evento che da sempre racconta e indaga il molteplice rapporto tra l’uomo e la natura e la possibilità di rispettosa convivenza con la fauna selvatica. Il manifesto porta la firma dell’artista Gianluigi Toccafondo, tra i più importanti illustratori e animatori italiani.

Per maggiori informazioni visita il sito del Festival.

Monte Analogo e BANFF Italia, passione per la montagna e il cinema

Da alcuni anni Monte Analogo collabora con BANFF Mountain Film Festival World Tour ITALY, una rassegna dei più sensazionali film di avventura, alpinismo e sport outdoor, il meglio del festival canadese che si svolge a Banff (Alberta), in Canada, ogni anno.
La 9a edizione del BANFF per la prima volta presenta un doppio programma. Si parte con un ciclo di film in esclusiva streaming su Itaca On Demand, scelti tra i finalisti all’omonimo Festival canadese, che va ad aggiungersi alla tradizionale programmazione per il grande schermo presto in tour in Italia.
Per vederlo basta fare il login o registrarsi su www.itacaondemand.it e, dopo aver selezionato il film, procedere con il check-out. Potrete guardare il contenuto entro 10 giorni ed entro 48 ore dal primo play.
Segui BANFF Italia su Facebook e su Instagram.

Servizio Civile per una cultura della montagna

Trieste, città multietnica e di confine, è un luogo di mare che guarda alle montagne: città apparentemente di vocazione esclusivamente marina, nutre in realtà un profondo e antico legame con la montagna, che si rinnova costantemente e che conta tra le sue fila migliaia di appassionati. Inoltre, il suo ambiente circostante, che dal mare s’inerpica sulle colline selvagge del Carso, svelando numerosissime falesie e grotte, la vicinanza alla città della Val Rosandra, valle dall’aspetto squisitamente montano dove sono nate le passioni per la speleologia e per l’alpinismo, hanno reso Trieste una città dove la l’amore per la montagna è una tradizione fondamentale e un sentimento condiviso. Trieste, negli anni, è stata la madre e la casa di numerosi alpinisti, che si sono distinti non solamente per le loro imprese, ma anche per l’impatto culturale dei loro scritti e delle loro ricerche, sia in ambito esplorativo sia in ambito scientifico. Questa storia, queste persone e queste associazioni hanno tutte contribuito a rendere Trieste una delle città di punta per la divulgazione di una cultura della montagna nel rispetto della natura e dell’uomo. Tuttavia, sebbene Trieste abbia questa grande tradizione di legame con la montagna, sempre meno giovani frequentano l’ambiente alpino e l’età media dei soci delle associazioni che si occupano di montagna, in senso escursionistico, sportivo e culturale, è sempre più alta. Proprio nell’ottica di una divulgazione culturale della filosofia della montagna e del coinvolgimento del mondo giovanile nelle più diverse attività riguardanti l’ambiente alpino, l’Associazione Monte Analogo propone l’esperienza del servizio civile.
Grazie al progetto “Culture della montagna” proposto da Arci Servizio Civile giovani tra i 18 e 28 anni potranno avere l’opportunità di fare questa esperienza. I giovani potranno presentare domanda tramite una specifica piattaforma, raggiungibile da PC fisso, tablet o smartphone, cui potranno accedere dopo essersi registrati tramite SPID, il ‘Sistema Pubblico d’Identità Digitale’. Gli aspiranti volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione entro lunedì 15 febbraio 2021 esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL).
Il servizio civile universale dura 12 mesi per un impegno di 1.145 ore articolato su base settimanale (25 ore) ed è previsto un riconoscimento economico mensile di 439,50 euro.
Sul sito di Arci Servizio Civile FVG è illustrato il progetto dettagliato con tutte le ulteriori informazioni.

I segreti del Tagliamento a Pinzano

Si terrà sabato 17 ottobre 2020 alle ore 21.00 nella Fattoria Didattica Terre di Agane a Valeriano di Pinzano al Tagliamento (PN) la proiezione del film “I segreti del Tagliamento” di Fabrizio Zanfagnini.

Il Tagliamento viene definito in molti siti come “l’ultimo fiume selvaggio in Europa” grazie all’incredibile mantenimento nei millenni delle sue originali e primitive connotazioni. In questo video il regista propone l’originale viaggio di Cristina Noacco, che in bicicletta ha percorso da sola i 170 chilometri dalla foce alla sorgente. Questa singolare esperienza è narrata dalla protagonista con accenti poetici e mettono in risalto l’anima nascosta dei molti interessanti territori attraversati dal grande fiume friulano, che in molti punti raggiunge i due chilometri di larghezza tra intrecci di acqua e colate di sassi.

La serata è promossa da Monte Analogo in collaborazione con il Comune di Pinzano al Tagliamento, Associazione MaiDireMai-NikoliRečiNikoli, Arci Servizio Civile FVG, Fattoria Didattica Terre di Agane,  Associazione L.A.G.O.,  Associazione Il Progetto, Somsi di Pinzano al Tagliamento e con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia.

Alla proiezione si potrà accedere tramite prenotazione WhatsApp o Sms allo 3355279319. Nel rispetto delle norme anticovid previste dai decreti all’entrata verrà rilevata la temperatura corporea e gli spettatori saranno tenuti a igienizzare le mani e indossare la mascherina dal momento dell’ingresso in sala fino al termine della proiezione.

Conclusa la 68a edizione del Trento Film Festival

La Georgia conquista il 68. Trento Film Festival con il documentario A Tunnel di Nino Orjonikidze e Vano Arsenishvili (Georgia/Germania). La Giuria internazionale – composta da Carlos Casas (Spagna), Salomé Jashi (Georgia), Gustav Hofer (Italia), Carmen Gray (Nuova Zelanda) e Matteo Della Bordella (Italia) – ha assegnato al film la prestigiosa Genziana d’oro Miglior film – Gran Premio “Città di Trento” – con la seguente motivazione: «una straordinaria vicinanza, un senso per l’atmosfera visiva e un’ottima sintonia con gli squilibri strutturali del potere sono alla base di un film che dice molto del nostro attuale periodo di tensioni geopolitiche, di identità contestate e di un mondo globalizzato del lavoro e del capitale. Drammatico ma mai esagerato, il film identifica glieventi di un piccolo villaggio come uno scontro tra passato e futuro, tra chi ha e chi non ha, in cui tutti abbiamo un ruolo».

Si aggiudica la Genziana d’oro Miglior film di alpinismo, popolazioni e
vita di montagna – Premio del Club Alpino Italiano The Wind. A
Documentary Thriller di Michal Bielawski (Polonia). «Le persone che
vivono in montagna – si legge nella motivazione – possono essere
esposte a condizioni climatiche estreme, con effetti sul corpo e sulla
mente. Grazie a un approccio intrigante e inventivo, il regista conduce il
pubblico nella vita degli abitanti della regione di Zakopane in Polonia,
dove l’Halny, un forte vento, mette regolarmente a rischio la loro vita e il
loro benessere. Creando un’atmosfera di eterna sospensione e seguendo
i protagonisti in modo intimo, questo documentario ci ricorda il delicato
equilibrio tra la natura e l’uomo, attraverso il lucido sguardo
cinematografico dell’autore».
La Genziana d’oro Miglior film di esplorazione o avventura – Premio “Città di Bolzano” è andato a Sidik and the Panther di Reber Dosky (Paesi Bassi) «per il profondo impegno nei confronti della natura, per come connette ecologia e politica, per lo straordinario racconto di quest’esplorazione estrema, per il suo profondo senso di appartenenza e radicamento alle tradizioni e alla natura come patria di noi tutti. Questo film documenta e cattura attraverso immagini realizzate in modo straordinario il rispetto e la passione per il proprio ambiente e la propria storia».
Genziana d’argento – Miglior contributo tecnico – artistico a Sicherheit 123 di Florian Kofler e Julia Gutweniger (Italia/Austria). «Questo film cattura l’attesa – si legge nella motivazione della Giuria – una catastrofe potrebbe verificarsi in qualsiasi momento, non in un luogo qualunque, ma proprio dietro casa. Ma per ora è solo una possibilità, un rischio. I registi riescono a rappresentare la serenità anche in situazioni tutt’altro che serene. Il trattamento artistico del soggetto plasma il contenuto. L’approccio estetico della macchina da presa e del suono aggiungono un sottofondo emotivo agli eventi. Il film diventa una
contemplazione della grandezza della natura e degli sforzi dell’uomo per controllarne la minaccia».
Genziana d’argento – Miglior cortometraggio a Then Comes the Evening di Maja Novaković (Serbia/Bosnia Erzegovina), «per aver saputo infondere una vita molto semplice in una magnifica natura morta – si legge nella motivazione della giuria – una natura morta più che mai vitale, nella quale ogni goccia di luce ha un significato e modella le forme in un modo che si nota d’improvviso nell’infanzia, o in uno scorcio di rivelazione. Per il lavoro meticoloso dei registi nel creare un’opera d’arte che esalta la forma cinematografica».
Il Premio della Giuria è stato assegnato al documentario Alpinist – Confession of a Cameraman di Kim Minchul e Lim Iljin (Corea del Sud): «il film offre un punto di vista assolutamente originale, autentico e non convenzionale sull’alpinismo. Questo documentario è un vero e proprio viaggio nella vita del cameraman e alpinista Lim Iljin, con una profonda conoscenza dell’alpinismo e delle diverse ragioni che spingono gli uomini verso la montagna. È un lavoro crudo, a volte doloroso, frutto di molti anni di esperienza sulle montagne più ostili del pianeta, che descrive al meglio alcuni dei lati più scomodi dell’alpinismo. Questo film è un omaggio a ogni appassionato alpinista e cameraman».
La giuria ha inoltre assegnato la Menzione speciale a Polyfonatura di Jon Vatne (Norvegia), dedicato all’esperimento naturalistico-musicale dell’eclettico artista sonoro Eirik Havnes. «A un film che ha catturato la nostra curiosità e che presenta meravigliosamente un processo creativo e le sue interconnessioni con la natura» si legge nella motivazione della Giuria.
Nonostante le difficoltà e gli imprevisti meteorologici, anche questa edizione speciale del Trento Film Festival è stata premiata dal pubblico, con un successo al di sopra delle aspettative per le proposte in streaming.
Per Monte Analogo, dopo aver visionato già parecchi film provenienti da altri festivals iniziano adesso le selezioni per programmare la prossima edizione di Alpi Giulie Cinema che inizierà come di consueto a Trieste nel prossimo mese di febbraio per successivamente circuitare sul territorio regionale.